Il Bancone dell’offerta

La gastronomia Pigozzo, conosciuta ad apprezzata dai cittadini di Caldogno e paesi limitrofi, per la sua offerta di gastronomia takeaway di alta qualità, propone un’offerta di cibi pronti, che ti consentono, in poco tempo, di trasformare la tavola della tua sala da pranzo in una tavola da ristorante. Un offerta per servire ai tuoi commensali, piatti già pronti, preparati e guarniti come appena usciti dalla tua cucina.

Mauro e la collaboratrice Michelle
Mauro e la collaboratrice Michelle

La gastronomia, da quando si è trasferita nel nuovo locale, in via Pasubio 10, offre una formula tipica delle Ciberie, che ti permette di degustare il cibo scelto al bancone, comodamente seduto ai tavoli sistemati in loco. Qui trasformiamo il bancone a vista in un appetitoso menù, dove si possono ammirare le ricette già pronte e, con gli occhi e la vista, si possono assaporare i piatti preparati, sceglierli e, nel tempo che uno si reca al proprio tavolo e si mette comodamente seduto, la cucina porziona, porta a temperatura e impiatta, i cibi scelti, per poi servirli, pronti da gustare ed apprezzare per la loro bontà.

Una formula suggestiva che trasforma la gastronomia in un piccolo ed accogliente ristorante dove trascorrere in tutta tranquillità la pausa pasto.

Barbara e Mauro Pigozzo sono sempre pronti ad accogliervi con il loro sorriso e a consigliarvi su cosa degustare,  scegliendo l’opzione di essere serviti direttamente nel loro locale o portando i cibi tranquillamente a casa.

Il prodotto storicamente più conosciuto della gastronomia è la polenta e baccalà, ricetta tramandata dal padre Fernando, premiato in più occasioni nella sua carriera, proprio per la sua personale ricetta del bacalà alla vicentina. Lui assieme alla moglie Antonia fondarono la prima  gastronomia (ora Pigozzo) negli anni ’70.

Le capacità culinarie di Mauro permettono di mangiare piatti, spesso vincitori di concorsi  locali, ai quali partecipa come Unione Cuochi Veneti a rappresentanza della città di Vicenza. un esempio lo abbiamo proprio contemporaneo in quanto lui e Fiorenzo Cazzola (presidente della FIC Vicenza) hanno partecipato il 21 novembre con:

i “Bigoli con radicchio rosso di Treviso, ragù bianco di corte e gocce di Asiago DOP” e lo

“Stinco di maiale arrosto con radicchio di Treviso in agrodolce al Tai dei colli Berici e polentina morbida di Maranello”

e sono risultati vincitori del 5° concorso Unione Cuochi del Veneto “A Tavola con la Solidarietà” tra i 7 piatti per 7 province, svoltosi a Rio San Martino.

Radicchio in Agrodolce che ho avuto il piacere di mangiare oggi, apprezzandone le notearomatiche date dalla tipologia di preparazione e dal retrogusto tipico del Tai dei nostri colli Berici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here