Lo scorso giovedì 3 settembre 2020 è stato presentato, presso la stupenda cornice di Villa San Fermo a Lonigo (Vi), il libro COLLI BERICI – Le terre, le vigne, le ville. Un volume curato dal Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza che narra la nascita, la storia e la viticoltura delle colline beriche.

Il libro, realizzato dal Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza nasce per celebrare il suo territorio. Il volume, redatto in italiano e inglese, racchiude la storia delle colline beriche, con un ampio spazio dedicato alla trasformazione della produzione vitivinicola della zona.

“Il nostro territorio è forse meno noto di altri, ma non meno interessante – commenta Giovanni Ponchia, Direttore del Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza – Siamo certi che questa pubblicazione potrà essere un aiuto per tutti coloro che vorranno avventurarsi per la prima volta alla scoperta dell’area berica, ma anche per far riscoprire questa zona a conoscitori e appassionati, con occhi diversi e nuove informazioni.”

I primi capitoli del libro sono dedicati alla nascita delle colline che circondano la città di Vicenza e la loro trasformazione fino ad oggi, concentrandosi sulla natura incontaminata, gli scorci più suggestivi e le ville neoclassiche che ne punteggiano il paesaggio. La storia vitivinicola e i vigneti simbolo dei Colli Berici sono i protagonisti della seconda sezione, che raccoglie anche l’andamento delle annate dal 2000 al 2019.

Per la realizzazione del progetto, il Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza ha coinvolto, accanto alla penna del suo Direttore Giovanni Ponchia, anche lo scrittore Gianluca Sgreva, la geologa Alessandra Giorgianni, il Prof. Gianni Moriani, coordinatore del Master in Filosofia del cibo e del vino dell’Università San Raffaele di Milano, il ricercatore CREA-VE Conegliano Diego Tomasi e il tecnico ARPA Veneto Silvia Obber, con le foto di Claudio Portinari e Mauro Fermariello.

Il volume è disponibile presso la sede del Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza, all’interno di Palazzo Pisani a Lonigo (VI).