Sabato 28 agosto la grande interprete della musica italiana porterà sul palco dell’Arena del Castello Carrarese i brani tratti dal suo ultimo album e i più grandi successi del suo repertorio riarrangiati in veste inedita.  

«Non vedo l’ora di viaggiare di notte, di fare le soste in autogrill per un boccone al volo. La vita un po’ nomade, apri e chiudi valigie continuamente, spostati da una città all’altra… questa vita da tour che ho sempre fatto mi è mancata moltissimo. Mi sono resa conto che per la maggior parte della carriera, ho passato più tempo sui palchi che, come spesso dico io, “sulla terraferma”. Non c’è niente che possa eguagliare l’ondata di affetto del pubblico quando sali sul palco»

Nasce dal desiderio impellente di tornare finalmente sul palco il nuovo tour di Fiorella Mannoia, “Padroni di niente” che sabato 28 agosto farà tappa nell’incantevole borgo veneto di Este in occasione dell’“EstEstate Festival”, la rassegna, patrocinata dal Comune di Este e organizzata da organizzato da Delphi International con la direzione artistica di Cinzia Bonafede.

La scenografica Arena del Castello Carrarese, principale monumento cittadino noto per la cinta muraria e la torre del mastio che domina il paese, sarà il palco in cui una delle voci più grandi della musica italiana accompagnata dalla sua band, interpreterà live alcuni brani tratti dal suo ultimo album di inediti “Padroni di niente” e le canzoni più amate del suo repertorio.

“Padroni di niente” è un album figlio di un periodo storico preciso, ricco di pensieri scaturiti da un evento eccezionale, da qualcosa che non ci era mai successo, da una vita che non avevamo mai vissuto e mai immaginato di vivere. Ne nesce un disco che racconta proprio le riflessioni nate nelle difficili settimane della primavera 2020, che ciascuno può riconoscere come proprie. Che riflette in musica chi siamo, nel bene e nel male.  Il mondo che è in continuo cambiamento e che se da una parte si evolve, migliora, si modernizza ogni giorno di più, dall’altra a volte si ha l’impressione che si allontani dall’altruismo e dai valori di solidarietà.

Non mancano poi i sentimenti, gli amori, come quello premuroso tra madre e figlia, e ovviamente l’invito a non smettere mai di sognare, come unica ed eterna speranza per andare avanti. Così, Fiorella, attraverso le canzoni che canta e le storie che racconta, pone l’attenzione sull’uomo e sulla nostra “umanità”, quella da cui bisognerebbe ripartire per non ritrovarci, appunto, “Padroni di niente”. 

Insieme ai brani dell’ultimo lavoro, dalla title track a “Solo una figlia” e “La gente parla”, l’artista eseguirà dal vivo anche i suoi più grandi successi, riarrangiati tuttavia in una veste inedita e brani mai eseguiti. 

«Nel resto della scaletta ci saranno i classici del mio repertorio e anche qualche brano che la gente non ha ancora mai sentito cantare da me – racconta Fiorella MannoiaEssendo io un’interprete mi diverto spesso a reinterpretare anche canzoni di altri grandi artisti che stimo, come ho fatto in passato con La cura, o alcune canzoni di Lucio Dalla. Mi diverte ed emoziona cantare le belle canzoni che fanno parte del nostro repertorio nazionale. Con Carlo Di Francesco abbiamo lavorato ad alcuni nuovi arrangiamenti, rivisitando delle canzoni storiche del mio repertorio. Abbiamo avuto tutto il tempo in questi mesi per sperimentare nuove strade su canzoni conosciute. Non è un’operazione molto semplice, è sempre complicato mettere le mani sui classici, perché bisogna dare una nuova veste alla canzone, senza cambiarle l’anima e l’essenza. Credo che abbiamo fatto un ottimo lavoro e sono molto curiosa di vedere come reagirà il pubblico nell’ascoltare queste nuove versioni di brani molto amati del mio repertorio»

Sul palco, insieme a Fiorella Mannoia i musicisti: Diego Corradin alla batteria, Claudio Storniolo al pianoforte e alle tastiere, Luca Visigalli al basso, Max Rosati e Alessandro “DOC” De Crescenzo alle chitarre, e Carlo Di Francesco alle percussioni e alla direzione musicale di tutto lo spettacolo.

EstEstate Festival è organizzato da Delphi International con il contributo e il patrocinio del Comune di Este. Gode, inoltre, del patrocinio della Regione del Veneto e della Provincia di Padova

Informazioni

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21.30 e si svolgeranno anche in caso di pioggia. 

I prezzi dei biglietti, in vendita dal 18 giugno nei circuiti Vivaticket e Ticketone ed in tutte le loro rivendite, variano a seconda degli artisti: si va da un minimo di 20 euro per il posto numerato a sedere, fino ad un massimo di 75 euro per le poltronissime GOLD.

Dal 6 agosto è entrato in vigore il 𝗚𝗥𝗘𝗘𝗡 𝗣𝗔𝗦𝗦 per cui è previsto l’ingresso a concerti ed eventi solo a chi lo possiede. Il GREEN PASS non è obbligatorio al di sotto dei 12 anni d’età

Per maggiori informazioni e il programma completo www.estestatefestival.it
Organizzazione
Delphi International
tel. 0532 1934217
www.delphiinternational.it