Verona fiere è pronta per accogliere migliaia di visitatori che ogni anno affollano gli stand del Vinitaly. Un grande ritorno dopo due anni di fermo dovuti al COVID-19. Verona fiere ha predisposto un appositi protocollo a tutela dei visitatori chiamato protocollo safetybusiness che appare nell’apposita pagina presente nel sito di Verona Fiere che riporta tutte le istruzioni relative all’uso del Green Pass e al protocollo stesso.

OFFERTA TEMATICA

Sette sono le aree tematiche che incontreremo a Vinitaly 2022. E’ interessante segnalare che questa edizione sarà possibile trovare una speciale suddivisione per aree tematiche, che vede:

Oltre ai classici padiglioni regionali

vedi mappa

EFFETTO GUERRA

Con la Crisi creata dalla guerra tra Russia e Ucraina arrivano pesantissimi contraccolpi e sicuramente non ha colpito solamente il mercato con la Russia. Una piazza strategica per l’Italia alla quale dobbiamo rinunciare. Secondo l’analisi Osservatorio Uiv-Vinitaly, gli ordini dalla Russia nel 2021 hanno registrato un valore di 375 milioni di dollari, in crescita dell’11% sull’anno precedente, a fronte di 1,155 miliardi di dollari di importazioni complessive di vino dall’estero. L’Italia, primo Paese fornitore con una quota di mercato del 30% davanti a Francia e Spagna, ha registrato nel 2021 un boom della domanda di spumanti (25%) ed un incremento del 2% per i vini fermi imbottigliati.

UN PO’ DI NUMERI SU QUESTA FIERA 

Padiglione del Veneto
Padiglione del Veneto – da Archivio

Un momento particolare che porta migliaia di incognita sul ritorno di Vinitaly. Un edizione che dai numeri raccolti al momento che rivelano già una edizione strategica da tutto esaurito: oltre 4 mila aziende espositrici presenti, le nazioni coinvolte sono 60,con un investimento pubblicitario di oltre tre milioni di euro. In arrivo da tutto il mondo sono stati selezionati 500 buyer top e migliaia gli operatori e i professionisti del settore.