Dalla Redazione

 

Il 9 luglio prende il “via” il primo Concorso Nazionale di Cucina organizzato dal Circolo Ricreativo Enogastronomico Italiano (C.R.E.I.), in stretta collaborazione con L’Associazione Gusto in Movimento.  Si chiama “I giardini Mediterranei” e si tiene nei laboratori della Scuola Italiana di Formazione di Mugnano di Napoli.

Valorizzare il talento dei cuochi sia professionisti che appassionati: questo è lo scopo del concorso nazionale. I cuochi devono realizzare un piatto secondo rispettando le regole dell’arte culinaria italiana.  E’ nata da poco tempo, ma già sta suscitando scalpore ed entusiasmo la nuova associazione di chef e amatori della cucina. A volerla fortemente è stato lo chef Armando Manzo, del rinomato ristorante “Emozioni” del Vomero a Napoli, che insieme alla Scuola Italiana di Formazione ed a Cilento Fruit sono gli sponsor di questo concorso culinario.

L’idea che sta lanciando lo chef Armando Manzo è quella di creare un luogo dove tutti gli appassionati di cucina come lui siano liberi di condividere e di apprendere aiutandosi l’un l’altro. Da questa base di partenza nasce il Circolo Ricreativo Enogastronomico Italiano, dove lo chef Manzo è il presidente, per la volontà di fare rete e di condividere con gli altri ciò che si sa fare guardando con interesse al lavoro degli altri. come sostiene il suo presidente, «tutti si possono iscrivere all’associazione non solo i cuochi professionisti ma anche gli amatori, perché alla base del progetto c’è l’idea di condividerla propria passione ed è proprio da quest’ultimi che i cuochi professionisti possono apprendere qualcosa».

Il concorso è aperto a tutti gli iscritti del circolo ed è suddiviso in due categorie: i professionisti e gli amatori. La giuria è composta da giornalisti di rinomata fama di enogastronomia che saranno chiamati a giudicare l’operato dei concorrenti in gara. I componenti della giuria di giornalisti sono: Maurizio Drago di Padova (presidente), Mariella Morosi di Roma, Federica Pagliarone di Bologna, Carmen Guerriero di Napoli, Alberto De Rogatis di Napoli.

Alla fine della gara ci sono poi  due master class del presidente Chef Armando Manzo, condividendo alcune tecniche di cucina e manipolazione dei prodotti. Una  master class riguarda la realizzazione nonché la rivisitazione di uno dei piatti che mangiavano i Cavalieri Templari. Infatti, il concorso è anche l’occasione per presentare il progetto: “Il tempio del cibo: viaggio tra storia, miti e religione. Le osterie Templari lungo la via Francigena”.

Il progetto vede la stretta collaborazione del Circolo con l’ordine templare O.S.M.T.J. 1804 (Ordine Sovrano e Militare del Tempio di Jerusalemme) e l’associazione Gusto in Movimento (guidata da Salvatore Lione) per la realizzazione de “Al Magnocolo Templare” che altro non sono le vecchie osterie dove i Cavalieri Templari trovavano ristoro appunto lungo la via Francigena nell’accompagnare i pellegrini in viaggio verso la terra santa. A tal proposito, a delucidare il progetto, sono presenti il Gran Maestro Priore d’Italia e Mondiale Gennaro Luigi Nappo e la dott.ssa Laura Predizzi.

Al concorso è  presente anche il dott. Tommaso Cerciello, presidente della Confederazione Nazionale PMI ITALIA, alla quale il Circolo Ricreativo Enogastronomico Italiano aderisce. Grazie a questa adesione il Circolo C.R.E.I. è  in grado di organizzare corsi di formazione professionali e di rilasciare allo stesso tempo attestati qualificanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here